Il lavaggio chimico della caldaia

L’acqua calda non scende più come prima e, più tempo passa e meno potente arriva dai rubinetti? E’ ora di chiamare un professionista del settore per provvedere al lavaggio chimico della caldaia.
Si tratta semplicemente della pulizia di tutte le tubazioni dell’impianto termico al fine di eliminare ogni sedimento ed ogni incrostazione che restringono i tubi compromettendo la portata dell’acqua.

Quando occorre  fare la pulizia degli impianti idraulici

Chiamare un tecnico specializzato in riparazione caldaie  è indispensabile per pulire la caldaia che, con lo scorrere del tempo (e dell’acqua) inizia a collezionare calcare e anche ruggine che cominciano a riempire a poco a poco il diametro interno delle tubazioni, rendendo difficoltoso il passaggio dell’acqua che gradualmente perde di portata fino a non uscire più.
E’ un fatto fisiologico per via della qualità dell’acqua che deposita particelle di calcare all’interno dei tubi che, a lungo andare, si matura in un malfunzionamento dell’impianto e, addirittura, la sua non accensione.
In casi di questo genere la soluzione è solamente una: un lavaggio chimico della caldaia. Esiste una normativa che specifica che laddove non ci siano le condizioni di acqua potabile è necessario provvedere ad una sostanziale pulizia e un conseguente risanamento delle tubature che viene realizzato da un trattamento chimico che deve essere effettuato da un esperto che sappia calibrare le giuste quantità di materiali corrosivi da usare per il lavaggio.

Come si procede

Un tecnico abilitato alla riparazione caldaie prima di effettuare la pulizia di una tubatura, scollega ogni apparecchio che sia attaccato all’impianto al fine di non avere ostacoli durante l’operazione di lavaggio che, in base alla situazione che si presenta, può decidere di pulire le tubature o con un contro lavaggio oppure con il lavaggio chimico.
La prima soluzione atta a ripulire i tubi dell’acqua fredda e calda, la si effettua  scollegando la rubinetteria  e collegando dei bypass che hanno il compito di invertire il senso di marcia dell’acqua con lo scopo di eliminare le incrostazioni.
Il lavaggio chimico dell’impianto termico e della pompa è sicuramente la soluzione migliore per assicurare l’espulsione delle incrostazioni di calcare e sedimenti che si sono depositate all’interno dei tubi.
In buona sostanza è l’immissione, che avviene collegando una macchina a pressione alla pompa della caldaia, di una miscela di soluzioni chimiche che circolando all’interno delle tubature riescono a liberarle da incrostazioni di calcare e di qualsiasi altro sedimento.

La manutenzione della caldaia, oltre ad essere un atto dovuto per legge, significa poter assicurare a questo fondamentale elemento, una lunga ed efficiente vita e, soprattutto, evita di trovarsi all’improvviso senza acqua calda perchè il suo passaggio non è più reso possibile a causa dell’ostruzione dei tubi. Un lavaggio chimico è la migliore soluzione per garantire la piena funzionalità della caldaia.