Mobili e sedie di design, l’importanza dei colori

Le possibilità di utilizzo dei colori in un appartamento sono davvero tante: dai tessuti alle pareti, passando per i mobili, la quotidianità può essere “colorata” in molti modi diversi. Può essere utile, a questo proposito, conoscere e anticipare i trend del momento e del futuro, scoprendo le più varie proposte di design in modo tale da poter trovare soluzioni interessanti tra grafismi, finiture decorative e accessori artigianali.

Per quanto concerne le tonalità cromatiche delle pareti, i gusti individuali sono sicuramente importanti, ma devono essere valutati anche in funzione del tipo di soffitto con cui si ha a che fare: a volta, in pietra, con le travi, in muratura, e così via. Molto importante è anche la luminosità, sia essa artificiale o naturale, che può essere fredda o calda; infine, è opportuno tenere conto della forma e delle dimensioni del locale. A questo punto si deve decidere se optare per una tinta sola o se sia meglio giocare con sfumature differenti: di certo cambiare i colori tra pareti che sono orientate in modo diverso garantisce un effetto estetico degno di nota, ma poi occorre capire anche se vada bene un normale rullo o se piuttosto non convenga optare per delle finiture decorative.

Lo stile dell’arredamento

L’importanza dei colori è definita anche dallo stile in cui sono arredati i locali: ciascuno stile presuppone delle tinte diverse, a maggior ragione se caratterizzato da un aspetto forte. Per esempio, chi vuole un soggiorno shabby chic, all’insegna di quella trasandata eleganza che il nome lascia intuire, può optare per il bianco e per il beige, ma anche per il blu navy, magari con effetti come lo stracciato o lo spugnato che sono disordinati solo in apparenza o con smalti satinati o lucidi. Per una casa classica le soluzioni più indicate sono le tinte pastello, mentre in un’abitazione moderna vanno più che bene il rosso, il viola, il verde scuro e il blu, vale a dire nuance intense, in grado di diventare protagoniste tanto negli arredi quanto sulle pareti.

Dalle sedie design Cappellini ai tavoli, dai divani alle librerie, dai letti matrimoniali alle credenze, ogni elemento deve essere colorato secondo un’idea ben precisa. Magari prendendo spunto dall’Istituto Pantone, che per il 2018 ha messo a disposizione diverse palette.

Le palette dell’Istituto Pantone

Una delle palette da prendere in considerazione è il Resourceful, che propone arancioni e blu da accostare: come si può intuire, si tratta di una scelta che deve essere ponderata con la massima attenzione, anche perché non adatta in maniera indistinta a qualsiasi ambiente. La palette Verdure, invece, si ispira all’energia della natura e mette a disposizione l’intensità del verde in sfumature che vanno dal ricco greenery al tenue arcadia, ideale per gli imbottiti e per i tessuti. Ancora, è molto interessante la palette Playful, con un tocco fluo che non guasta mai in un arredamento contemporaneo. Certo, il giallo brillante non è semplice da integrare, così come il lime pop, ma è sinonimo di dinamismo e di gioventù. Si può iniziare con accessori come cuscini e lenzuola, magari.

La palette Discretion è, evidentemente, molto più sobria, raccomandata per una camera da letto per la quale si ha voglia di rosa. Il mauve e il pink lavander danno un tocco romantico a una stanza che può essere resa più femminile con il blooming dahlia. Per gli amanti delle tinte calde il consiglio è quello di lasciarsi conquistare dalla palette Far-fetched, con il bordeaux che si fa apprezzare sugli imbottiti. Viceversa, la palette Intricacy permette di entrare a contatto con i colori metallici, vale a dire i nuovi neutri, da mettere accanto a mood caldi per un contrasto potente. Da ricordare, infine, la palette Intensity e i colori turchesi e mandorla della palette Tech-nique.