A chi rivolgersi per la consegna fiori a domicilio

Published by:

fiori-a-domicilio

fiori-a-domicilioLa consegna fiori a domicilio è un servizio che può essere richiesto in una grande varietà di occasioni per celebrare e per festeggiare le ricorrenze più diverse: si può trattare del conseguimento di una laurea o della conquista del diploma al liceo, ma anche della nascita di un bambino, di un anniversario di matrimonio, di una proposta di fidanzamento, dell’assunzione in un’azienda, e così via. A prescindere da quale sia la ragione che induce a inviare un mazzo di fiori a una persona o a un gruppo di persone a cui si è legati da un sentimento di affetto, dunque, la decisione di spedire un omaggio floreale è destinata di sicuro a essere apprezzata e a essere ricordata.

Ciò è dovuto anche al fatto che sono davvero numerose le proposte e le opzioni su cui si può contare: dai mazzi di rose a quelli di girasoli, dai mazzi di gerbere a quelli di margherite, dai mazzi di tulipani a quelli di papaveri, dai mazzi di mimose a quelli di gerani, ogni scelta ha un suo significato e un suo valore, anche sentimentale. Ma a chi ci si può rivolgere nel caso in cui si sia interessati a usufruire del servizio di consegna fiori a domicilio? La risposta va individuata in Italflora, una realtà di provata affidabilità in questo settore, anche per merito del network di fioristi e di professionisti a cui fa riferimento.

Come organizzare la consegna fiori a domicilio

Nel caso in cui si sia interessati a spedire un mazzo di fiori, o comunque un omaggio di questo genere, con il servizio di consegna a domicilio proposto da Italflora, non bisogna fare altro che recarsi sul sito www.italflora.it, fruibile sia da pc desktop che con i dispositivi mobili, e seguire le istruzioni riportate: dopo aver selezionato il tipo di omaggio che si desidera, basta decidere quale metodo di pagamento si è intenzionati a utilizzare e poi portare a termine l’operazione. Si può scegliere se ricorrere a un bonifico bancario o se impiegare una carta di credito, da Discover a Postepay, da MasterCard a Visa.

La consegna può essere richiesta anche in funzione di una data e di un orario ben precisi, in modo tale da essere certi che il destinatario abbia la possibilità di ricevere direttamente l’omaggio. Ma anche in caso di imprevisti – per esempio, se la persona che dovrebbe accogliere i fiori non è in casa – non ci sono rischi, e la consegna viene comunque effettuata grazie ad ulteriori accordi. Insomma, con la rapidità e l’immediatezza del web non c’è più bisogno di attraversare tutta la città in cerca di un fiorista che abbia soluzioni interessanti a un prezzo conveniente, ma si può organizzare tutto da casa, o in qualsiasi altro posto ci si trovi, nel giro di pochi secondi e con pochi clic. Il tutto è davvero facile, anche se non si è esperti di Internet né avvezzi agli acquisti effettuati online.

Centrifughe industriali usate dal 1920

Published by:

Marco-Mora-centrifughe

Marco-Mora-centrifugheImpiegate nell’industria alimentare, in quella farmaceutica, chimica, casearia e navale, le macchine centrifughe sono indispensabili per i reparti produttivi di questi settori industriali.

L’azienda Marco Mora dal 1920 fornisce centrifughe industriali usate per ogni necessità, accuratamente revisionate e rese come nuove.

A garanzia della professionalità dell’azienda la lunga storia che la precede: l’attività della famiglia Mora affonda le sue origine già nei primi anni del Novecento nell’ambito però della riparazione di automobili.

Nel corso degli anni l’attività attraversa una serie di notevoli evoluzioni in concomitanza con i cambiamenti tecnologici, industriali ed economici della società, ed è a partire dagli anni Venti che si concentra sulla riparazione, sulla manutenzione e revisione di macchine centrifughe e di attrezzature per i numerosi caseifici e latterie che nei territori di Parma sono dediti per lo più alla produzione di Parmigiano Reggiano.

Nei decenni successivi l’azienda Marco Mora concentra la propria attività nel recupero di centrifughe e separatori di seconda mano presenti sul mercato, divenendo, grazie alle nuove competenze acquisite, un punto di riferimento non solo nei pressi di Parma.

Ad oggi all’interno dell’officina meccanica le macchine centrifughe vengono revisionate con estrema attenzione per poi essere rimesse in commercio collaudate alla perfezione attraverso una simulazione di attività in collegamento con sistemi elettrici innovativi.

L’attività di revisione e collaudo dagli elevati standard qualitativi contraddistingue l’azienda Marco Mora, che attualmente si occupa della rivendita di centrifughe, separatori, panettatrici, burrificatrici, scrematrici, battofughe e pulitori automatici revisionati e collaudati da un team di tecnici qualificati ed esperti su tutto il territorio nazionale ma anche internazionale.

Ogni macchina è inoltre dotata di una garanzia per il cliente, a cui è offerta anche la possibilità di richiedere il servizio di consegna in loco.

Non solo gli specialisti nella produzione di Parmigiano Reggiano, Grana Padano, mozzarella, provolone e paste filate, ma anche il settore vitivinicolo, quello degli oli minerali, dei prodotti farmaceutici, delle bevande di frutta e dei carburanti si rivolgono all’azienda Marco Mora, che è in grado di risolvere con interventi mirati e di qualità qualsiasi problema legato alle macchine.

Per scoprire quali sono le macchine disponibili e in pronta consegna ti basterà metterti in contatto con il personale dell’azienda, sempre a completa disposizione della clientela.

Bamar, tradizione del mobile bassanese dal 1977

Published by:

bamar

Bamar, maestri ebanisti dal 1977, è azienda che, nel corso degli anni, ha saputo affermarsi nel settore del mobile di prestigio grazie alla passione per il mobile artigianale, quello bello, robusto, profumato, elegante e di grande stile in grado di distinguersi nell’ arte della lavorazione del legno.
La Bamar è un’azienda con una forte tradizione nell’antica scuola degli ebanisti, i mobili Bamar infatti sono unici ed inimitabili, sono piccole opere d’arte che mantengono inalterate le tradizioni nella lavorazione del legno. 
Arredare la propria casa con i mobili Bamar significa scegliere stile e qualità, una storia nella storia, da tramandare di generazione in generazione, raccontata con amore per tutto ciò che non arreda semplicemente, ma crea amore e atmosfera “di casa”. Continue reading

A chi rivolgersi quando si ha bisogno dell’installazione di nuovi infissi a Roma

Published by:

Infissi-in-legno-alluminio

Infissi-in-legno-alluminioChi vive a Roma e vuole migliorare il comfort della propria casa cambiando gli infissi presenti, ha necessità di rivolgersi a dei professionisti in grado di suggerire la soluzione più idonea per essere considerata ottimale.
Molti sono le tipologie degli infissi presenti sul mercato e questo genera molta confusione in tutti coloro che non sono addentrati in questo ambito. Scegliere un infisso in metallo o in legno? Conviene mettere un infisso in PVC o alluminio anodizzato? Quale costa meno? Quale è più durevole? E quali sono le loro performance? Domande ovvie, queste, alle quali sono dei professionisti della installazione infissi a Roma possono dare risposta.

Infissi: Caratteristiche, prezzi e altro ancora

Il primo suggerimento è quello di evitare il fai-da-te solamente in funzione di credere semplice la sostituzione degli infissi presenti con altri comperati in quei centri di Bricolage presenti in tutta Italia. La scelta deve essere ben ponderata e solo grazie a chi opera in questo campo, si può venirne a capo in modo positivo.
Ad esempio, gli infissi in PVC offrono un ideale isolamento termo-acustico, sono resistenti e non creano problemi di manutenzione.
Gli infissi in alluminio anche richiedono poca manutenzione e resistono alle negatività degli agenti atmosferici, anche se lasciano ‘fredda’ l’atmosfera, contrariamente agli infissi in legno che consentono di vivere un’atmosfera decisamente più intima e ‘calda’ garantendo un buon isolamento termico anche se non eccellente. Ma ci sono anche degli infissi che presentano soluzioni che miscelano l’estetica del legno con i benefici di nuovi materiali come il lamellare o altri ancora.

Appare indispensabile il suggerimento che un professionista del settore può indicare dopo aver compreso le esigenze del cliente e le caratteristiche della zona dov’è ubicata l’abitazione.
Ovviamente occorrerà tenere anche in giusta considerazione quello che potrebbe essere il risparmio  in ambito energetico con una miglior tenuta dell’isolamento termico che un infisso di ultima generazione può offrire.
Non va neppure dimenticato il fatto che sono presenti degli incentivi inerenti alla detrazione fiscale che raggiungono il 65% della spesa sostenuta per quella che è la riqualificazione energetica e che consente di ammortizzare il costo in pochi anni.

Mettere in preventivo il fatto di far sostituire i vecchi infissi, oltre al risparmio del consumo energetico e al miglioramento della qualità di vita all’interno della propria casa, ha anche il pregio di valorizzare ancor di più il proprio immobile che acquista un maggior valore per via di offrire delle ideali strutture che non devono essere considerate solo come elementi estetici.

Riassumendo: i nuovi infissi sono sinonimo di risparmio sui costi energetici, migliore qualità della propria vivibilità casalinga, valorizzazione dell’immobile e sfruttamento degli incentivi previsti dalle vigenti leggi che permettono di recuperare l’investimento in poco tempo. Condizione necessaria è però quella di rivolgersi ad un centro di professionisti installatori che sappiano illustrarci i pro e i contro di ogni opzione e che, una volta scelta quella che si ritiene più opportuna, intervengano con professionalità per sostituire gli infissi.

Arredare il giardino con i piani per tavoli

Published by:

6075-1

6075-1I piani per tavoli sono accessori che vengono utilizzati di frequente per arredare il giardino e gli spazi verdi all’aria aperta: la grande varietà di misure, di formati e di materiali con cui possono essere realizzati fa sì che la versatilità sia la loro caratteristica più importante e più apprezzata. Nella maggior parte dei casi, chi ha voglia di compiere una scelta orientata all’eleganza e alla raffinatezza concentra i propri gusti sui piani in legno, disponibili in un vasto assortimento di proposte destinate a soddisfare i gusti più diversi: con bordo massello arrotondato o con spigoli, possono essere abbinati sia a basamenti centrali che a basi a quattro gambe, e offrono tutti i pregi tipici del legno.

Questo materiale, infatti, è perfetto per i complementi di arredo che sono destinati a un giardino, non solo per quel che riguarda la resa estetica, ma anche per quanto concerne la longevità. Tavoli e piani per tavoli in legno sono concepiti, realizzati e lavorati per durare a lungo nel tempo e per apparire funzionali e piacevoli anche a distanza di anni: proprio per questo motivo, non di rado vengono sottoposti a trattamenti speciali, che hanno lo scopo di renderli impermeabili e in grado di resistere all’azione della pioggia, dell’umidità, della neve e degli altri agenti atmosferici.

Quali aspetti considerare per i piani per tavoli

Nel momento in cui ci si approccia all’acquisto di questo tipo di accessori, è bene non dimenticare quella che dovrà essere la loro caratteristica principale: i piani, infatti, sono punti di appoggio su cui mettere bicchieri e piatti, ma anche libri, posacenere, vasi, centrotavola, pizzi e qualsiasi altro elemento si voglia usare per abbellire l’ambiente. Ecco, quindi, che la necessità di una certa resistenza e solidità si coniuga con la necessità di optare per una soluzione che sia piacevole alla vista. A questo proposito, molto dipende dallo stile del giardino che deve essere arredato: per uno spazio verde moderno e contemporaneo, con linee geometriche e forme minimal, potrebbe essere adatto un piano squadrato, in plexiglass o in ferro battuto, con una tonalità cromatica piuttosto fredda, mentre per un ambiente outdoor con un carattere più rustico e accogliente potrebbe andare bene un piano tondeggiante in legno, con le sue venature e i suoi colori caldi.

Ognuno, ovviamente, può seguire il proprio istinto e i propri gusti in una scelta del genere, tenendo conto anche delle esigenze che intende soddisfare e dello stile di vita che segue: se si è abituati ad avere sempre ospiti e, quindi, a vivere grandi tavolate, sarà opportuno fare riferimento a soluzioni di dimensioni abbastanza importanti. Infine, l’ultimo ma non meno importante aspetto che dovrà essere valutato con attenzione sarà quello relativo alla posizione del tavolo: un conto è scegliere un piano per un tavolo al riparo sotto un gazebo e un conto è scegliere un piano per un tavolo all’aperto.

Camerette salvaspazio

Published by:

salvaspazio-camerette

salvaspazio-cameretteLa cameretta è il luogo di elezione dei bambini, il loro piccolo scrigno dove poter essere sé stessi e sentirsi liberi di esprimere la propria personalità. Spesso, però, capita che le stanze di una casa siano di piccole dimensioni e che, quindi, non si riesca a ricavare una cameretta molto spaziosa per i suoi piccoli inquilini. Altre volte, invece, magari la cameretta è più ampia ma comunque i bambini sono in due o in tre, quindi c’è la necessità di ottimizzare tutti gli spazi possibili. In questo caso servono delle vere e proprie camerette salvaspazio, ideali per contenere tutti gli averi dei bambini senza rinunciare ad avere una metratura vivibile dove leggere, giocare, sognare.

Camerette salvaspazio: qualche idea per ottimizzare piccoli ambienti

Se l’inquilino della camera è uno solo, ma essa non è molto grande, si può pensare ad una soluzione che si sviluppi in altezza, occupando anche le zone in alto della stanza. Per questo esistono dei letti a soppalco, ideali per incassare sotto di essi la scrivania. Il letto, così, esce fuori dalla metratura della stanza in sé, dal momento che è su un altro piano spaziale, quindi può darsi che rimanga una zona vivibile e priva di mobili al centro della stanza, in modo tale da dare l’idea di un ambiente più arioso e luminoso. Accanto al letto a soppalco, sempre in alto, si possono anche attaccare delle mensole sulle quali riporre i libri o una lampadina per leggere, così attorno al letto si crea un piccolo microcosmo nel quale non si ha più nessun bisogno di scendere in basso, perché si ha tutto a portata di mano.
Per quanto riguarda i letti, però, si può adottare anche un’altra soluzione, ovvero quella del letto contenitore.
In queste strutture il materasso si solleva e sotto il letto, anche singolo, c’è moltissimo spazio per riporre oggetti come giochi, coperte o cambi di stagione. Sotto il letto contenitore possono trovare rifugio anche scarpe o altri oggetti ingombranti che toglierebbero spazio nella stanza.
Nel caso di due figli si può pensare alla soluzione di un letto estraibile, composto di una rete singola sotto il letto che ogni notte può essere estratta. La mattina il letto torna sotto l’altro, cosicché possa esserci un solo letto a vista, magari arredato con dei cuscini e facente la funzione di divano.

Scrivanie e librerie salvaspazio: come installarle senza rinunciare al giusto spazio in cameretta

La scrivania è un altro dei mobili fondamentali in una cameretta, ma a volte si deve rinunciare a delle scrivanie troppo ingombranti per lasciare spazio a tavoli più snelli.
Chi è in cerca di scrivanie salvaspazio può scegliere la soluzione di una scrivania incassata, ad esempio all’interno di un armadio a ponte oppure di una libreria. Anche le scrivanie pieghevoli o a estrazione sono un’idea perfetta per risparmiare spazio: ponendo una di queste scrivanie contro il muro, essa si può aprire o chiudere all’occorrenza liberando la stanza da un ingombro quando essa non viene utilizzata.
In una stanza con letto a soppalco la scrivania può stare sotto il letto, ma si può pensare anche di creare una scrivania angolare, in modo da realizzare un tavolo più snello e sottile perché più allungato e sviluppato con una forma a L.
Per quanto riguarda librerie o mensole adatte a contenere libri o giocattoli, se non si ha sufficiente spazio per installare una vera e propria scaffalatura si può pensare a delle mensole, magari sopra la scrivania o sopra il letto. Le mensole sono utili per poggiare, ad esempio, i libri di scuola o di lettura, ma anche peluche, costruzioni o altri oggetti dei bambini, che altrimenti rimarrebbero sul pavimento creando disordine.

L’armadio, le scarpiere e le cassettiere fanno la differenza per una cameretta salvaspazio

Gli armadi sono dei mobili ai quali proprio non si può rinunciare, ma come coniugare l’esigenza di un armadio quattro stagioni con una cameretta che ha poco spazio?
Una delle soluzioni più praticate è sicuramente quella dell’armadio a ponte. Questo mobile permette di incassare al suo interno una scrivania o un letto, addirittura un letto singolo con rete estraibile sotto, quindi è molto comodo anche in stanze dove ci siano due bambini. Il vantaggio dell’armadio a ponte è che esso si sviluppa in altezza, quindi non toglie spazio alla stanza e lascia ampi metri quadrati al centro dell’ambiente.
Un’altra accortezza da tenere è quella di non comprare armadi con ante apribili a 90 gradi, ma piuttosto preferire armadi con ante scorrevoli, cosicché il volume dell’armadio sia l’unico ingombro presente nella stanza.
Al loro interno, gli armadi salvaspazio vanno organizzati con dei ripiani e se non ci sono si possono sempre acquistare degli organizer di tessuto per suddividere lo spazio tra i figli che vivono nella cameretta.
Si può anche pensare di non installare un vero e proprio armadio, quanto piuttosto delle cassettiere o delle piccole ante negli angoli della stanza, lasciando al centro molto più spazio libero. Le scarpiere sono un mobile che non sempre è previsto nelle camerette, ma spesso i ragazzi sono disordinati e nelle camerette molto piccole questo può rappresentare un problema. Una scarpiera può essere un mobile perfetto per mettere ordine e creare spazio nelle piccole camerette, soprattutto se installate dietro le porte, quindi in un luogo che rimarrebbe altrimenti inutilizzato.

Tutte queste soluzioni riguardo alle camerette salvaspazio per i bambini sono proposte a Roma da Design 360. Recandovi in negozio con la planimetria e la metratura della stanza destinata ai vostri ragazzi potrete ricevere da esperti progettisti la realizzazione con un innovativo software 3D di proposte di arredo belle, comode e funzionali.

Cosa fare in caso di emergenze di natura idraulica a Roma

Published by:

perdite-acqua

perdite-acquaNella caos della Capitale dove solo lo spostarsi da un quartiere all’altro è sinonimo di non sapere quanto tempo occorrerà per arrivare, trovare un idraulico che possa rispondere prontamente a qualsiasi emergenza di natura idrica, pare essere una pia illusione.
C’è però una formidabile eccezione rappresentata da un più che efficiente e qualificato   servizio di pronto intervento idraulico, disponibile in 60 minuti in tutta la città di Roma che risponde al nome di  pronto intervento idraulico a Roma.

Ad ogni problema la sua soluzione

Problemi di natura idraulica possono presentarsi in qualsiasi momento del giorno e della notte e non ci sono feste di nessun tipo: quando qualcosa si rompe, non avvisa di certo e non rispetta orari e convenzioni. Potrebbe trattarsi di una perdita in qualche tubazione nascosta che non rende evidente dove si trovi il guasto; oppure qualche intasamento che ostruisce il normale deflusso delle acque reflue o,anche, un danno alla caldaia che potrebbe essere calcificata e che ne impedisce il funzionamento e via dicendo.
Ma ogni problema, per quanto grave e per quanto necessiti un intervento, ha la sua soluzione che deve essere trovata da un idraulico professionista che abbia maturato la sua esperienza in anni di attività.

Prevenire e curare

Si pensa a quanto si sarebbe potuto fare solamente dopo che ci si è resi conto di cosa provochi un danno di qualsiasi natura idraulica. E’ a quel punto che si pensa all’assistenza necessaria onde evitare il sopraggiungere dei problemi e delle loro conseguenze. Ma se non si è prevenuto in tempo, l’unica chance che resta è quella di curare il danno e per questo occorre avvalersi del background di artigiani che si sono specializzati in questo settore legato all’idraulica.

Competenza, immediatezza e convenienza

Quando si devono affrontare questi contrattempi è necessario –se non addirittura fondamentale- rivolgersi a chi possa garantire assoluta competenza nel saper identificare il problema e scegliere la soluzione che ottimizzi il suo intervento. Oltre a questo, l’immediatezza della risposta è un’altra caratteristica che ha la sua importanza soprattutto in una metropoli come Roma dove poter intervenire nel giro di un’ora dalla chiamata è sicuramente una peculiarità di assoluto valore aggiunto. Se a queste due prerogative si aggiunge una terza che è rappresentata dalla convenienza della spesa, si può senza dubbio affermare che si sia raggiunta la cosiddetta ‘quadratura del cerchio’.

Avere un punto di riferimento allo stesso modo con la quale si ha il medico di fiducia, il proprio commercialista, il meccanico amico ect. , è certamente una cosa da tenere in debito conto per avere un professionista sempre disponibile nel momento del bisogno che non deve essere per forza legato a qualche inconveniente. Godere di un servizio più che rapido che vi stupirà insieme alla competenza professionale espressa dal tecnico che sarà inviato dal centro assistenza, avrà in più la sorpresa di un costo decisamente onesto.

Investire in diamanti: quali sono i vantaggi

Published by:

investire-in-diamanti

investire-in-diamantiMolte sono le opportunità per coloro che vogliono investire i propri risparmi per realizzarci dei profitti. Il panorama delle possibilità includono i titoli di Stato che, seppur concedono degli interessi microscopici, sono da sempre considerati come ‘garantiti’ e al di sopra di ogni sospetto. Bot, CCT e altri titoli fondiari, hanno fatto la storia del risparmio in Italia che, proprio in questo settore finanziario, è una delle nazioni che primeggia.
Si può affermare, senza alcuna incertezza, che l’Italia è patria del risparmio anche se in alcuni casi, a questa sorta di investimento sicuro ma non propriamente redditizio, è subentrata l’idea dell’investimento teso a far guadagnare in modo più remunerativo.
Ne sanno qualcosa i tanti italiani che hanno investito in titoli azionari confidando in suggerimenti avuti o nel proprio istinto e che hanno visto da un momento all’altro, liquefarsi i risparmi di una vita o i capitali guadagnati con il proprio lavoro.
Il brivido di puntare su delle azioni per assecondare il miraggio di diventare ricchi, è spesso foriero di cattive scelte che sono quelle di aver puntato sul cavallo sbagliato. E se con la diffusione esponenziale di internet, molte persone si sono fatte attrarre dalla facilità di operare in diretta con il proprio device pensando di trasformarsi nel Gordon Gekko del film Wall Street, in questo presente la stessa cosa accade con chi si cimenta con il Forex dove i rischi sono sempre dietro l’angolo.

Investimenti sicuri

Per sapersi tranquilli e mettere al riparo le proprie risorse, un classico percorso è sempre stato quello di investire sul mattone. Possedere immobili, oltre a quello nel quale si vive,  ha rappresentato per decenni un formidabile investimento perché, mettere a reddito lo stesso significava non disperdere il proprio capitale (che semmai, aumentava di valore) e monetizzare una certa entrata mensile derivante dall’affitto che si andava a riscuotere da chi ne usufruiva. Questa forma di reddito è venuta meno per tutta una serie di problematiche che riguardano una sempre più alta tassazione unita alla scarsa garanzia di vedere il canone di locazione regolarmente pagato per via di una crisi economica che ha messo a terra tante attività e che ha lasciato a spasso migliaia di lavoratori.
Scartata anche la opportunità di investire sul mattone ai giorni nostri, il mercato del risparmio si riversa su quelli che sono da sempre definiti beni certi come oro e preziosi.

Generalmente il bene-rifugio lo si coniuga con il prezioso metallo che risulta inalterabile nel tempo. Il mercato, per quanto possa subire delle variazioni dettate da momenti congiunturali, considera l’oro una certezza e chi lo possiede può dormire sonni sicuri. Ma l’oro, per quanto inamovibile bene, presenta il problema di dove essere custodito.
Molto meno problematica la soluzione di questo problema logistico appare a coloro che hanno deciso di investire in diamanti in quanto ingombro e peso di gemme che possono rappresentare anche valori significativi è talmente minimo che riduce anche il problema legato allo spazio dove custodirle e nel trasportarle.

Sport a Madonna di Campiglio

Published by:

sport-a-madonna-di-campiglio

sport-a-madonna-di-campiglioRidurre Madonna di Campiglio a sola località dedicata agli sport sulla neve, è sicuramente un errore. In ogni periodo dell’anno, il prestigioso paesino offre un vastissimo panorama di attività sportive che consentono di soddisfare ogni tipo di interesse. Vediamo cosa è possibile fare oltre tennis, nuoto e pattinaggio.

Arrampicata

Il gruppo delle Dolomiti di Brenta permette di effettuare sia l’arrampicata sportiva che quella classica. Le pareti ed i pilastri che conducono alle guglie, sono riservate per tutti coloro (esperti o appassionati) che vogliono provare l’ebbrezza dell’arrampicata. Chi si vuole cimentare con questo sport può chiedere l’aiuto delle guide alpine che insegneranno le tecniche migliori per fare il climbing, cominciando dai corsi di roccia che caratterizzano le vie normali. I più esperti, invece, possono chiedere aiuto per percorsi più impegnativi che hanno rese famose La Preus, la Maestri Alimonta sul Campanil Basso, la Detassis sulla Cima Brenta Alta e la via delle Guide sul Crozzon di Brenta.

Via Ferrata

Le Dolomiti di Brenta presentano un significativo sistema di vie ferrate di tutte la Alpi che si chiama Via delle Bocchette.
E’ in pratica un reticolato di attrezzati sentieri che investe tutto il gruppo anche grazie a delle minuscole cenge aeree che consento anche ai non esperti, di vivere questa esperienza. Le guide alpine offrono una serie di escursioni dove insegneranno l’utilizzo ideale della necessaria attrezzatura.
Tra le vie ferrate si evidenziano: Sentiero Ettore Castiglioni, Sentiero Ottone Brentari, Sentoero Alfredo Benini, Sentieri G.Vidi, Sentiero Oliva Detassis, Sentiero delle Bocchette che si divide tra Bocchette Centrali e Bocchette Alte.

Golf

Per uno sport decisamente più rilassante, Madonna di Campiglio e la Val Rendena propongono due campi da golf: il primo a Campiglio e il secondo tra Caderzone Terme e Bocenago.
Il primo è il Golf Club Campo Carlo Magno e risulta essere tra i più antichi e più alti campi da golf in Europa. Incorniciato da verdissimi boschi a 1650 metri di altitudine, regala una vista meravigliosa sulle Dolomiti per tutto l’intero percorso a 9 buche lungo 5469 metri disegnato nel 1921 da Henry Cotton.
Il Golf Club Val Rendena è un recente campo da golf che si dipana sui prati del parco fluviale che da Strembo porta a Bocenago. Offre un percorso 9 buche par 35

Parapendio

Gli amanti di sport adrenalinici troveranno interessante gettarsi dai 2100 metri del Doss del Sabion per planare dolcemente sulla Val Rendena. Anche chi non è pratico può alimentare il sogno di Icaro volando su un parapendio biposto in compagnia di un qualificato istruttore.

Dog Trekking

Direttamente dal Nord America è arrivato anche a Campiglio il dog trekking, ossia vivere la montagna camminando attaccati ai cani tramite un imbrago allacciato in vita. Come è facilmente  intuibile è questa un’attività sportiva che possono fare tutti dal momento che il cane che verrà assegnato, è perfettamente addestrato e abituato a condurre in modo docile la persona trainata. Questa pratica viene offerta nel periodo che va da aprile fino ad ottobre solo su prenotazione con partenza da San Lorenzo in Banale  fino ad arrivare a Campiglio.

Pesca

Laghetti, fiumiciattoli e torrenti alpini sono l’ideale per vivere delle intense giornate dedicate alla pesca. A Madonna di Campiglio, Pinzolo e in tutta la Val Rendena si trovano punti per la pesca a mosca e spinning, gestite dalle locali associazioni di pescatori. Altri punti limitrofi sono quelli dell’Alto Sarca, Basso Sarca, Alto Chiese, Val di Sole, Val di Non e Primiero.

Equitazione

Non poteva mancare l’opportunità di scoprire le Dolomiti attraverso delle incredibili passeggiate a cavallo in compagnia di istruttori della Val Rendena e di Pinzolo, dove si trovano i maneggi dove prenotare una escursione all’interno del Parco Naturale Adamello-Brenta. Anche in questo caso, per i neofiti gli istruttori sono disponibili a mostrare i primi approcci con il cavallo e ad insegnarti le più elementari tecniche di cavalcata. E, per i più piccoli, le passeggiate possono essere fatte su docilissimi pony.

Maggiori informazioni per le tue vacanze in Trentino le trovi sul sito Igrandiviaggi.it.

Il gioco d’azzardo patologico e le possibili cure

Published by:

gioco-dazzardo

gioco-dazzardoIl Gioco d’Azzardo Patologico (GAP), chiamato anche azzardopatia, è stato riconosciuto ufficialmente come patologia nel 1980, tra i disturbi di controllo degli impulsi: consiste in un persistente comportamento di gioco, talmente ricorrente e maladattivo da influenzare negativamente la vita personale, familiare e lavorativa di chi ne soffre.

Spesso questo disturbo è collegato a stati di forte stress e può dar luogo anche a problemi nella sfera affettiva e sessuale, oltre ad essere talvolta associato a consumo di droghe e/o alcool. Può concorrere inoltre all’insorgenza di malattie come ipertensione, emicrania o ulcera peptica.

Sintomi e Diagnosi

Il GAP viene generalmente definito una “dipendenza senza sostanza“: non sempre è facile individuare il problema, ma esistono dei segnali chiaramente riconoscibili. La diagnosi si basa essenzialmente sul riscontro dei seguenti sintomi:

– Il pensiero del soggetto è costantemente rivolto al gioco, con continui rimandi alle partite già giocate, programmi per i prossimi giochi, organizzazione del denaro da spendere in gioco,

– Il gioco è collegato a problemi personali, con la speranza di ridurne il disagio (come ad esempio sensi di colpa, di impotenza, ansia etc)

– Il soggetto ha tentato più volte di smettere o ridurre il gioco senza successo

– Per raggiungere l’eccitazione da gioco è necessario investire somme di denaro sempre più consistenti

– Il soggetto mente alla propria famiglia, agli amici e ai parenti, per nascondere la sua dipendenza dal gioco

– Vengono messe a repentaglio situazioni significative di fronte alla necessità di giocare, magari perdendo una relazione importante, un lavoro o altre opportunità

– Vengono commesse azioni illegali, come ad esempio frodi o furti, per poter continuare a giocare denaro

– Si chiede il sostegno degli altri per cercare una soluzione alla situazione economica tragica causata dalle perdite al gioco.

Possibili cure

La problematica del Gioco d’Azzardo Patologico richiama molta attenzione, in quanto sembra sia diffusa ormai in modo preoccupante. Esistono anche delle campagne sociali che intendono sensibilizzare in merito a questo disturbo ed aiutare coloro che ne soffrono.

Nonostante le difficoltà nel riconoscere il disagio ed affrontarlo in modo adeguato, esistono diverse cure e trattamenti di cui è stata provata l’efficacia in modo scientifico. Le opzioni tra cui scegliere sono diverse e devono essere personalizzate in base al singolo caso. In linea generale, l’aiuto principale può arrivare da percorsi mirati di psicoterapia, in particolare con orientamento cognitivo comportamentale. Le sedute possono essere affiancate anche dall’uso di alcuni farmaci, come ad esempio gli SSRI o gli stabilizzanti dell’umore, che sono in grado di agire sull’impulsività, coadiuvando il lavoro dello psicoterapeuta, che rimane fondamentale.

Proprio per questo è necessario scegliere un professionista che sia in grado di indicare il percorso più adatto per ogni individuo. Ad esempio, un ottimo psicologo a Treviso è il dottor Michele Canil: come si può leggere nel suo sito www.michelecanil.it si tratta di un terapeuta che segue la linea di Psicologia dei Costrutti Personali, con un approccio non invasivo alla psicoterapia, in grado di trattare al meglio tutti i principali disturbi dell’umore, stress-correlati e che creano dipendenze, ta i quali rientra appunto il Gioco d’Azzardo Patologico.