Category Archives: Casa

Notizie di casa e arredamento.

Come scegliere l’aspirapolvere più giusto per te

Published by:

Per capire qual è l’aspirapolvere più adatto alle tue esigenze, devi valutare prima di tutto in che modo hai intenzione di utilizzarlo, e cioè a quali impieghi esso sarà destinato. Per esempio, se la tua necessità primaria è solo quella di pulire le piastrelle o i pavimenti, ti puoi accontentare di un modello a traino caratterizzato da un livello elevato di potenza. Si tratta di un tipo di aspirapolvere che mette a tua disposizione tutti gli accessori che ti servono per raggiungere anche i punti che in apparenza sembrano più ostici e tutti quegli angoli in cui non potresti mai arrivare con una scopa normale.

Nel caso in cui tu voglia optare per un modello convenzionale e rinunciare a un aspirapolvere verticale, non dimenticare di verificare la possibilità di fermare la spazzola che si trova al di sotto della scopa, in modo tale che tu possa sfruttare unicamente l’aspirazione. In caso contrario, potresti rischiare di spargere la polvere, ottenendo l’effetto esattamente opposto a quello che desideri, o addirittura di graffiare il pavimento. Con un Folletto questo pericolo è scongiurato: clicca qui se hai bisogno di sacchetti Folletto originali.

Come pulire i tappeti

Nel caso in cui la tua abitazione presenti numerosi tappeti, potresti aver bisogno di un aspirapolvere con testina motorizzata. Se, però, devi fare i conti con ambienti grandi e quindi impegnativi da pulire, il consiglio è quello di puntare su un aspirapolvere verticale, che si fa apprezzare per la maggiore facilità di impiego che lo contraddistingue. Tieni presente che la pulizia dei tappeti si può rivelare molto complicata: ecco perché ti serve un apparecchio che ti consenta di regolare l’altezza. Addirittura esistono in commercio dei modelli dotati di sensori per la polvere, capaci di non farsi sfuggire neppure un granello di sporco.

E se in casa ci sono delle scale?

In un appartamento disposto su più piani, e quindi dotato di scale, l’esigenza principale a cui devi pensare è quella della comodità: ti occorre, insomma, un aspirapolvere che sia facile da portare in giro e da maneggiare. La ricerca della migliore trasportabilità possibile ti potrebbe condurre a un modello verticale, purché molto leggero. Da evitare, ovviamente, gli aspirapolveri a traino. Un modello silenzioso è, invece, ciò di cui non puoi fare a meno se hai l’abitudine di restare fuori casa per tutto il giorno, magari per motivi di lavoro, e quindi ti ritrovi a pulire nelle ore più impensabili, la sera tardi o al mattino presto. Ovviamente non hai intenzione di disturbare i vicini di casa, e pertanto cerchi di ridurre i rumori al minimo. Ecco, quindi, un aspirapolvere di fascia alta, in grado di coniugare prestazioni elevate e una batteria eccellente.

Cosa fare se sei allergico

Se sei allergico alla polvere, o se vivi in una casa frequentata da persone allergiche, ti occorre un modello dotato di un filtro Hepa. Il problema è che i filtri di questo tipo non sono tutti uguali tra loro: i più performanti sono quelli capaci di trattenere le particelle più piccole. Se, però, nel tuo appartamento sono presenti superfici diverse, nella tua scelta devi tenere conto anche di questo aspetto: per esempio con un modello che, oltre a essere munito di un selettore di potenza, sia dotato di accessori che ti permettano di pulire di volta in volta il parquet, le piastrelle, la moquette, e così via. 

Verande in vetro: scopriamo qualcosa in più

Published by:

Per dare ariosità, spaziosità e armonia a un ambiente di casa, una buona idea potrebbe essere quella di costruire una veranda in vetro.

Si tratta di una soluzione in grado di garantire anche molta luminosità, e di rendere nel complesso molto più piacevole e confortevole l’interno di un appartamento. Lo scopo è quello di esaltare gli spazi esterni come ad esempio i giardini ma anche grandi balconi o cortili. Ma non si limita a questo la funzione di una veranda. Le verande in vetro ad esempio sono molto utili, se installate con i giusti criteri, anche per fungere da isolante e creare un tipo di riscaldamento più naturale per la casa.

Realizzare e progettare una veranda ad uso domestico non è una cosa affatto scontata. Bisogna fare diverse valutazioni, che in molti casi è meglio affidare agli esperti del settore.

Vediamo in questo articolo quali sono gli step da seguire, le nozioni da conoscere a livello normativo e tutte le altre indicazioni utili per costruire una veranda nella propria casa.

Le conoscenze da avere in ambito normativo

Quando si decide di fare un lavoro come quello dell’installazione di una veranda, non bisogna pensare solo al lato estetico e funzionale della faccenda. Bisogna essere informati anche su alcuni aspetti legali che riguardano da vicino la questione. Nello specifico si fa riferimento alla “legge sul piano casa”, poiché un intervento di questo tipo rientra tra quelli che vanno a modificare il volume dell’abitazione.

A questo punto è il caso di illustrare i requisiti richiesti dalla legge. Cominciamo dicendo che le verande sono considerate delle zone soggiorno, e quindi ad esempio non possono essere trasformate in camere da letto.

Un’altra netta distinzione da fare è quella tra le case indipendenti e gli appartamenti in condominio. Nel primo caso, per la veranda basterà richiedere il permesso al proprio comune di appartenenza presentando una D.I.A. (dichiarazione di inizio attività) che è disciplinata dal Testo Unico dell’Edilizia.

Diversa la situazione in caso di condominio. Qui oltre a richiedere l’autorizzazione da parte del comune, il soggetto che ha intenzione di iniziare i lavori deve anche informare gli altri condomini ed accertarsi che l’intervento non danneggi gli spazi comuni.

L’ultima annotazione in questo senso va fatta nei confronti di quegli edifici che costituiscono un patrimonio dal punto di vista storico-architettonico: in questo caso il parere vincolante è quello della Sovrintendenza ai beni culturali, che dovrà esprimersi sulla possibilità di effettuare i lavori valutando alcuni parametri.

Struttura e costi di una veranda in vetro

Eccoci ad analizzare più nel dettaglio le tipologie di veranda e il tipo di intervento da fare.

Intanto bisogna stabilire se si vuole inserire la veranda partendo da un centro parete oppure se si preferisce fare una costruzione ad angolo, unendo due punti dell’appartamento. Poi si stabilisce il tipo di tetto, che può essere spiovente o piano.

Infine va considerata la tipologia di vetrata da scegliere: c’è quella scorrevole che risulta meno ingombrante e più economica, ma dipende anche dalla grandezza della struttura. Poi c’è quella fissa, o ancora esiste quella a battente, che agevola la pulizia del vetro.

Valutazioni importanti vanno fatte anche per quanto riguarda il risparmio energetico, che in taluni casi può essere consistente.

Rimanendo sul discorso legato ai prezzi, c’è da dire che le verande in legno sono quelle più esose. Si arriva a spendere anche oltre tremila euro per una struttura del genere, che però è senz’altro la più apprezzabile sul piano estetico.

Le verande in alluminio e in PVC costituiscono un buon compromesso nel rapporto qualità/prezzo, pur perdendo decisamente qualcosa dal punto di vista dell’estetica.

Mobili e sedie di design, l’importanza dei colori

Published by:

pantone

Le possibilità di utilizzo dei colori in un appartamento sono davvero tante: dai tessuti alle pareti, passando per i mobili, la quotidianità può essere “colorata” in molti modi diversi. Può essere utile, a questo proposito, conoscere e anticipare i trend del momento e del futuro, scoprendo le più varie proposte di design in modo tale da poter trovare soluzioni interessanti tra grafismi, finiture decorative e accessori artigianali. Continue reading

Divani di design: come scegliere il colore giusto?

Published by:

Se hai in mente di cambiare il divano di casa o semplicemente di aggiungerne uno nuovo a quello che già hai, dovresti prestare la massima attenzione al suo colore: la scelta della tonalità cromatica, infatti, è in grado di incidere sulla resa estetica complessiva di tutto il soggiorno, o comunque dell’ambiente in cui il divano è collocato (può trovare posto, per esempo, anche in taverna o in mansarda). Non puoi fare a meno di prendere in considerazione, a questo proposito, lo stile di tutti gli altri complementi di arredo: se ti ritrovi alle prese con un design minimalista e moderno potresti puntare su un divano contraddistinto da tonalità abbastanza sobrie e neutre (con il nero e con il bianco non si sbaglia mai), ma se intendi regalare alla tua abitazione un look un po’ più frizzante puoi pensare di rompere la monotonia d’insieme con delle tinte più accese e appariscenti. Nel caso in cui tu voglia inserire un divano di design all’interno di un ambiente country o dall’atmosfera rustica, invece, non c’è soluzione più indicata che quella di privilegiare le nuance calde. Infine, in un soggiorno vintage o shabby chic, la palette di beige e bianco è quella che garantisce risultati migliori.

Guida alla scelta del divano

Che tu abbia in mente di compiere la tua scelta tra i divani in pelle o quelli in tessuto, dunque, è indispensabile che tu tenga nella dovuta considerazione lo stile di arredo della tua casa. Sempre che sia la tua abitazione quella di cui si sta parlando: in effetti, un divano di design potrebbe trovare posto anche in un ufficio, nella hall di un hotel, in un bar o nella sala di aspetto di uno studio medico. Nel caso in cui tu sia un amante del design minimalista più contemporaneo, i dettami degli esperti raccomandano di preferire il rosso, il bianco o altre tinte monocromatiche.

Molto importante, in qualunque caso, è fare in modo che le tinte della tappezzeria siano in linea con quelle delle pareti. Se è vero che il bianco costituisce la soluzione più facile in questo senso, visto che ha il pregio di adattarsi senza problemi a qualsiasi fantasia o tonalità, è altrettanto vero che se si decide di optare per tinte come il rosso o il giallo c’è bisogno di fare pendant, per evitare effetti poco gradevoli. Anche le condizioni di luce rientrano tra i parametri che meritano di essere valutati con scrupolo: un divano scuro, per esempio, è adatto a un salotto molto illuminato in quanto permette di sottrarre un po’ di luminosità al contesto complessivo. Ma se si predilige l’effetto ton sur ton, non ci sono problemi: il risultato sarà un soggiorno che sembrerà ancora più grande e luminoso.

Come utilizzare i colori freddi e quelli caldi

Non si deve aver paura di usare i colori freddi, ma occorre che queste tonalità vengano dosate con giudizio e impiegate nel contesto giusto. In linea di massima le tonalità fredde sono in grado di dare vita a un’atmosfera moderna e a un clima rilassante: il verde acido sembra essere capace di stimolare il corpo e la mente, mentre chi si accontenta delle soluzioni più classiche trova nel celeste e nel blu due preziosi punti di riferimento che, rievocando il mare e il cielo, favoriscono una gradevole sensazione di eccezionale relax.

Per quanto concerne i colori caldi, d’altro canto, il loro effetto è quello di rendere il soggiorno più ospitale e accogliente: che si opti per l’arancione, per il giallo o per il rosso, i risultati migliori si ottengono se ci sono dei tessuti di arredo abbinati nei dintorni (per esempio i tappeti o le tende delle finestre).

Quando conviene ricorrere ai mobili salvaspazio

Published by:

La scelta di puntare sui mobili salvaspazio non è solo estetica, ma anche pratica: con questo espediente, infatti, si può optare per complementi di arredo eleganti e non ingombranti, il che si traduce nell’opportunità di ottimizzare gli spazi e di sfruttarli nel migliore dei modi possibile. Per le abitazioni piccole sono perfette, per esempio, le cucine a scomparsa, che si caratterizzano per la presenza di ante che consentono di nasconderla in caso di necessità. Compatte e gradevoli, presentano ante che scompaiono all’interno dei vani laterali: sono cucine consigliate per chi non ama le soluzioni a vista, sia nel caso in cui siano componibili, sia nel caso in cui siano monoblocco.

Sul catalogo di Protek Design è facile scoprire un vasto assortimento di soluzioni a scomparsa, studiate con attenzione dai designer per soddisfare qualunque genere di necessità. Tra queste non possono non essere menzionati i letti a scomparsa, che offrono l’occasione di dare vita a zone per la notte vere e proprie senza che si sia costretti a rinunciare a metri quadri utili di giorno. In una cameretta, quindi, si può pensare di collocare un letto trasformabile o un letto abbattibile: in entrambi i casi, si ha a che fare con un prodotto che permette di salvaguardare lo spazio a disposizione senza rinunciare alla funzionalità tipica di un letto classico. Insomma, la comodità del riposo viene garantita sempre e comunque.

Cucine a scomparsa e non solo

Non si pensi che il ricorso a un letto a scomparsa implichi dei compromessi o dei sacrifici dal punto di vista del comfort: tutti i letti trasformabili sono muniti di rete a doghe e in grado di ospitare e accogliere qualsiasi tipo di materasso si desideri. Volendo, li si può utilizzare tanto in inverno – con il piumino e la coperta – quanto in estate. Funzionali e pratici, i letti abbattibili assicurano la stessa comodità di un letto fisso ma vantano meccanismi tecnologici per le strutture di base a scomparsa in virtù dei quali l’apertura e la chiusura si rivelano decisamente agevoli. Sono tanti i metri che si recuperano in una singola stanza: forse non è come avere a disposizione un locale in più, ma quasi! Merito di studi attenti e meticolosi, ma anche di tecnologie innovative.

Insomma, come si può notare i mobili trasformabili trovano spazio davvero in ogni angolo della casa, dal soggiorno alla mansarda, passando per la taverna o la camera da letto. Tornando alle cucine a scomparsa, se ne possono apprezzare i pregi in qualunque situazione: pur essendo racchiuse all’interno di un armadio contenitore, propongono tutto ciò di cui si può aver bisogno ai fornelli. Tutti gli elementi sono integrati in maniera decisamente funzionale, senza rischiare che lo spazio possa essere sprecato. I vani contenitori, i piani di lavoro, gli elettrodomestici: non c’è componente che non venga progettata e messa a punto tenendo conto dei bisogni concreti di chi è destinato a vivere in quegli ambienti.

Risparmio senza un Budget con i codici sconto online e stampabili

Published by:

risparmiare con i coupon

Migliori siti di couponing dove trovare sconti imperdibili

Come avrete di sicuro letto ormai tantissime volte, sempre più persone ricercano il risparmio a tutti i costi e sono diventate esperte nella ricerca e uso dei codici sconto cartacei e dei codici sconto online.

Per molti è diventato quasi un gioco divertente e ogni volta che devono fare shopping e comprare ciò di cui hanno bisogno o voglia, cercano di spendere il meno possibile… senza truffe o inganni ovviamente!

Non occorre essere degli esperti di economia, di strategia finanziaria o hacker professionisti per risparmiare senza budget, basta capire come funzionano i coupon e usare il codice sconto giusto per l’acquisto giusto! In america la mania del couponing (quelli cartacei e stampabili) è diventata quasi una mania che hanno realizzato degli spettacoli sull’argomento e anche un programma televisivo… davvero divertente e ovviamente utile perché spiega e mostra di cosa si tratta e quanto davvero si può risparmiare con un po’ di accortezza.

Con internet le possibilità si sono triplicate ovviamente e non si deve più perdere tempo nei ritagli o creare lunghe file alla cassa per il pagamento.  In tanti continuano a condividere i loro consigli e raccontarvi di come hanno risparmiato nello shopping online.

risparmi-famiglieTagliare i costi è sempre più una priorità e lo dimostra nel suo piccolo quante volte è stato visualizzato l’elenco dei migliori siti di coupon pubblicato dalla CNN qualche tempo fa.

Tra questi ci sono Coupons.com, RetailMeNot.com, CouponMom.com. Qui in Italia ci sono delle nuove interessanti realtà come Codice Sconto99.it

Si tratta di una top internazionale e che andrebbe aggiornata se non tutti i mesi quasi. Il fenomeno dei coupon online è infatti in crescita quindi sono sempre più numerosi i siti specializzati dove cercare offerte, sconti, promozioni.

I portali che noi preferiamo sono quelli che mostrano tutti gli omaggi che si possono ottenere on-line per provare ovviamente il prodotto prima di acquistarne uno. Si pensi ai profumi, creme e ttti i prodotti per il make-up e la cosmesi.

Avere un codice sconto online per acquistare a metà prezzo un nuovo tipo di prodotto per il giardinaggio non sarebbe utile? LO stesso vale per qualsiasi cosa di cui avete bisogno ma che state usando per la prima volta… anche un nuovo paio di scarpe da corsa o un nuovo barbecue per la casa al mare.

Davvero utili i siti specializzati nei codici sconti per mamme o sport. Se visitate un sito di coupon come CodiceSconto99 vedrete come i codici a disposizione sono tantissimi. Come trovare il codice di cui si ha bisogno? Basta selezionare la categoria di interesse.

Davvero facili da usare e convenienti!

Parlare di risparmio parlando di spese e shopping online può sembrare un controsenso, ma spendere meno è possibile e internet offre tanti vantaggi per tutti. Ci sono i coupon e le offerte sui siti che vengono in nostro soccorso. Il mondo di internet non solo ci fornisce coupon e sconti, ma anche recensioni, guide all’acquisto e suggerimento su promozioni del giorno che consente di risparmiare i costi dello shopping senza rinunciare alla quantità e qualità!

Tende a rullo, caratteristiche e vantaggi

Published by:

Le tende a rullo sono soluzioni ideali per chi ha la necessità di proteggere gli ambienti di una casa o di un ufficio rispetto al calore dovuto ai raggi del sole in estate: ma non è questa la sola ragione per cui si può decidere di ricorrere a questo tipo di prodotto, che ha anche il merito di garantire il massimo della riservatezza e della privacy, evitando che gli spazi privati di un edificio finiscano nel mirino di sguardi indiscreti.

La flessibilità di utilizzo è una delle tante caratteristiche interessanti delle tende a rullo, che possono essere montate in modo egualmente soddisfacente sia negli ambienti esterni che in quelli interni: in genere si caratterizzano per uno stile sobrio, che le rende adatte a qualsiasi tipo di arredamento, dal più essenziale al più bizzarro. E se si ha paura che risultino fin troppo anonime, è sufficiente scegliere dei modelli più colorati per vivacizzare i contesti.

Quali sono i vantaggi offerti dalle tende a rullo?

Come dimostra il catalogo di resstende, sono diverse le tipologie di tende a rullo per cui si può optare: ognuna di esse garantisce comfort e praticità. Se fino a poco tempo fa esse venivano adottate in maniera quasi esclusiva negli ambienti di lavoro, negli uffici o negli studi professionali, ormai sono presenti sempre più di frequente anche nelle abitazioni private, mettendo in mostra una notevole eleganza e soprattutto dimostrando di essere in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di esigenza. Insomma, si tratta di accessori che non sono appannaggio solo delle location più formali, ma che possono rendere più funzionale e più moderno qualsiasi tipo di appartamento.

Come sono fatte

Sono tre le parti principali che compongono le rende a rullo: il cassonetto, il tessuto e – ovviamente – il rullo. Per quel che riguarda il cassonetto, si tratta di un elemento che ha lo scopo di proteggere la tenda ed evitare che si rovini nel momento in cui essa viene arrotolata. Permette, in sostanza, di prevenire e rallentare l’usura, ma anche di contrastare la polvere. Oltre a ciò, è bene tenere presente che arrotolandosi su sé stessa la tenda si stira da sola, in modo del tutto naturale. Il tessuto delle tende a rullo è teso verso il basso in virtù dell’azione esercitata da una piccola asta in metallo che è presente nella parte più bassa; privo di orlo ai lati, viene mantenuto teso proprio dal peso dell’asticella, così che non si possano formare delle pieghe che si rivelerebbero ben poco gradevoli sotto il profilo estetico.

Infine, ecco il componente fondamentale, e cioè il rullo, che può essere azionato in modo manuale o funzionare in automatico in base al modello che si possiede: nel primo caso si fa riferimento a una molla, a una catenella o a una molla combinata con una catenella, mentre nel secondo caso all’interno del cassonetto è presente un motore di piccole dimensioni che riceve i comandi che vengono inviati con un telecomando o un interruttore.

Casetta in legno per ordinare il giardino

Published by:

La casetta in legno per ordinare il giardino è utile per riporre le attrezzature ma anche la bicicletta oppure i giochi.

In commercio esistono diversi modelli, che variano siano nelle misure ma anche nei colori. Oltre al big del settore Leroymerlin, su Casette Pronte, nuovo sito dedicato della catena veneta Prontobrico, trovate ben 140 modelli di diverse dimensioni, per tutte le esigenze. Optare per la casetta in legno invece che per il box in lamiera, significa preferire l’estetica, la casetta in legno infatti è simile ad una piccola baita, costituita da listelli assemblati verticalmente e decisamente graziosa.

A seconda della tipologia e del modello, può presentare una o più stanze e visto il grande successo degli ultimi anni, in particolare rivolto alle casette “Made in Italy”, realizzate in pino o abete, le casette in legno da giardino, sono diventate molto competitive. Ecco perchè sempre più persone decidono di utilizzarle come deposito per attrezzi in modo che il suo utilizzo diventi quello di un ambiente supplementare vivibile della casa. La scelta è anche condizionata dal prezzo, che risulta essere decisamente inferiore rispetto ad una casetta in muratura.

La casetta degli attrezzi

La casetta in legno degli attrezzi è considerata alla stregua di un componente d’arredo in grado di dare un tono diverso al giardino e di trasformarlo in un luogo più accogliente. Oltre a contenere tutti gli attrezzi in maniera ordinata, è anche un modo per decorare il giardino e renderlo più accogliente, ma anche per essere in intimità con la natura.

La scelta del legno esalta infatti un accostamento equilibrato con il verde circostante. Anche se gli altri elementi presenti nel nostro giardino sono realizzati con altri materiali, il legno si fonde perfettamente con questo spazio e regala la perfetta armonia al giardino per una sensazione davvero molto gradevole. Il suo utilizzo è perfetto non solo per riporre tutta l’attrezzatura da lavoro ma anche per riporre gli attrezzi per il giardinaggio e tutto ciò che non trova spazio in casa o eventualmente nel box.

Il legno è un materiale molto resistente agli agenti atmosferici, merito anche dei trattamenti a cui è sottoposto che lo rendono di durata illimitata ed impermeabile, ed anche il tetto è costruito secondo questi criteri. L’accesso è molto semplice, si accede per merito di una porta e molto dipende anche dalla grandezza della casetta stessa e dello spazio a disposizione.

Forme e dimensioni

In commercio esistono diverse tipologie di casette in legno per riordinare gli attrezzi, a partire dai modelli piccoli che si adattano a tutte le diverse tipologie di giardini ma soprattutto a quelli di dimensioni ridotti, fino ai modelli rassomiglianti a delle vere e proprie spaziose baite, ricche di comfort. La maggior parte di queste casette in legno per attrezzi sono preposte per appendere gli attrezzi da lavoro e presentano delle comode mensole per tenere tutto perfettamente in ordine.

Ecco dove trovare un fabbro a Roma

Published by:

Trovare un fabbro a Roma a volte può essere una missione impossibile, specialmente nel caso in cui si abbia la necessità dell’intervento di un tecnico di domenica, dopo l’ora di cena, in un giorno festivo o nel mese di agosto. Per risolvere questo inconveniente, vale la pena di memorizzare il sito Fabbroroma.com, che consente di usufruire di interventi a domicilio a qualsiasi ora del giorno e della notte e in qualunque giorno dell’anno, così che anche le emergenze più gravi o gli imprevisti più inattesi possano trovare una soluzione efficace.

Onesta, professionalità ed efficienza sono le caratteristiche peculiari che i fabbri a Roma di ACDR che possono essere contattati tramite il sito mettono a disposizione dei propri clienti. I servizi di pronto intervento possono essere richiesti per le necessità più diverse, che si tratti di provvedere alla sostituzione di una serratura, all’apertura di una porta blindata o allo sbloccaggio di una cassaforte. Inoltre, il numero verde 800 128022 può essere chiamato in maniera gratuita in qualunque momento, sia per richiedere un intervento che per ottenere semplicemente informazioni supplementari a proposito dei servizi offerti. Chi fosse interessato ha anche l’opportunità di richiedere un preventivo dei prezzi per i lavori richiesti, il quale ovviamente viene fornito gratuitamente e senza alcun obbligo di impegno.

Quali sono i servizi proposti

Attraverso Fabbroroma.com è possibile, insomma, contattare tecnici disponibili 24 ore su 24 e pronti a intervenire non solo nel territorio di Roma ma anche in provincia. La varietà di servizi su cui si può fare affidamento è molto vasta, e include – tra l’altro – l’automazione delle persiane e delle tapparelle, le aperture giudiziarie per gli sfratti, la riparazione delle porte danneggiate, la riparazione degli infissi e delle finestre, l’apertura di bloccapedali e lucchetti, la riparazione di motori e molle, la sostituzione di serrature e l’apertura di porte corazzate.

Una notevole attenzione viene riservata alla riparazione delle serrande, a prescindere dalla loro tipologia: che si sia alle prese con un modello a impacchettamento, con un modello microforato, con un modello a maglia o con un modello cieco, se si decide di sfruttare i servizi pubblicizzati da Fabbroroma.com si può essere certi di veder soddisfatte le proprie esigenze in men che non si dica, grazie al supporto di tecnici competenti e dotati di una lunga esperienza nel settore.

Se troppo spesso trovare un fabbro nella Capitale al di fuori degli orari canonici e dei giorni lavorativi è un compito improbabile, destinato a non avere successo, grazie a Fabbroroma.com la situazione cambia: i servizi proposti sono disponibili non solo per le abitazioni private, ma anche per i condomini, per gli uffici e per i negozi, oltre che per gli istituti religiosi, per le scuole, per gli alberghi e per i locali destinati alla ristorazione. La manodopera offerta assicura i più elevati standard di qualità e il mix perfetto di cordialità, gentilezza, rapidità e competenza.

Sommier, il letto che parla francese

Published by:

letti sommier

Sommier, il letto che parla francese, è un letto contenitore, oltre al comodo materasso, dispone di spazi interni che possono essere utilizzati, per sistemare tutto ciò che non trova posto nell’armadio. La sua principale caratteristica è l’estetica e la capienza.

Il letto sommier, infatti permette di ribaltare completamente il materasso, in maniera semplice, senza sforzi, in questo modo, il vano intero, può essere considerato un valido sostituto dell’armadio, dove riporre indumenti ed oggetti ingombranti, come coperte, cappotti, cusini, scarpe nelle relative scatole, e tanto altro.
Il letto sommier punta molto sull’estetica, quando il materasso è posto in maniera orizzontale non si riesce a cogliere alcuna differenza con un letto tradizionale.

Da considerare anche la misura che equivale ad essere intermedia tra quella del classico letto matrimoniale e quella del letto “a una piazza e mezzo”. Ha una misura di 140×200 cm. Ed è una soluzione ottimale per arredare una camera matrimoniale di spazi ridotti. E’ vero che occorre rinunciare a qualche centimetro in larghezza ma è pur sempre possibile usufruire dell’indispensabile contenitore salva-spazio.  Continue reading